en

Insalata con uova di quaglia, alici e fiori eduli

28 marzo 2018
Ricetta - Antipasti e aperitivi - Insalate
Insalata con uova di quaglia, alici e fiori eduli

Siamo ormai in dirittura di arrivo, Pasqua è veramente dietro l’angolo e per quel giorno la tradizione vuole che sulle nostre tavole ci sia il simbolo della festa per eccellenza: l’uovo.

Se cercate un modo per presentarlo in maniera graziosa e non scontata senza perdere tempo nella realizzazione di ricette complicate, questo antipasto, l’insalata con uova di quaglia, alici e fiori eduli, fa proprio al caso vostro!

Prima di passare alla ricetta, una piccola curiosità: sapete perché l’uovo è il simbolo della Pasqua?

Nella religione cristiana l’uovo rappresenta la risurrezione perché è qualcosa di apparentemente inanimato che racchiude al proprio interno una nuova vita.

L’uovo fa parte della simbologia di moltissimi paesi nel mondo e gli sono dati differenti significati; era già presente nelle tradizioni di religioni pagane più antiche del Cristianesimo come simbolo legato alla rinascita della natura, alla primavera e alla ritrovata fertilità della terra.

In cucina è utilizzato in moltissime ricette, sia per la sua funzione di legante, addensante ed emulsionante (il tuorlo contiene lecitina che è l’agente emulsionante per eccellenza), che come protagonista di piatti più o meno semplici da realizzare.

Qualche dritta prima della preparazione

Un piccolo segreto per togliere il guscio alle uova sode più facilmente e senza danneggiarle: appena cotte mettetele subito sotto acqua fredda corrente oppure in una ciotola con acqua e ghiaccio e dopo circa un minuto (il tempo necessario a non scottarvi le mani) sgusciatele.

L’albume per reazione al freddo si contrarrà rendendo l’operazione più semplice.

Rompete il guscio sbattendo delicatamente l’uovo sodo dall’estremità più larga e iniziate a sbucciarlo tenendolo sotto un filo di acqua corrente fredda.

Una volta sgusciate, se non le consumate subito, mettete le uova sode in una ciotola e sigillatela subito con pellicola, una volta che saranno completamente raffreddate potrete riporle in frigorifero per utilizzarle nel giro di qualche ora.

Se dovete conservarle più a lungo lasciatele con il guscio.

Potete mondare e tagliare le puntarelle e i rapanelli necessari alla preparazione di questo piatto con circa mezzora di anticipo e tenerli pronti per l’uso in una ciotola immersi in acqua fredda.

uova di quaglia e acciughe

Ricetta dell'insalata con uova di quaglia, alici e fiori eduli

Tempi di preparazioni
15 min
Tempi di cottura
3 min
Valori nutrizionali
( per porzione )
Carbohydrates: 1.5 gr
Calorie: 143 kcal

Ingredienti

Per 4 persone

  • 10 uova di quaglia
  • 20 filetti di alici Delicius Double
  • 80 gr c.a. di puntarelle
  • 12 fiori eduli
  • 2 rapanelli
  • Un cucchiaino di olio evo
  • Aceto balsamico q.b.
  • Sale q.b.

Preparazione

Mettete le uova di quaglia in una pentola immerse in acqua fredda e ponete su fuoco, attendete che l’acqua raggiunga il bollore e lasciatele cuocere per 3 minuti.

Trascorso questo tempo trasferite le uova in acqua fredda.

Procedimento fase 1

Lavate le puntarelle e scegliete le cimette più belle e non troppo grandi (eventualmente tagliatele in due per il lungo), tagliatele alla base dritte in modo che possano rimanere in piedi sui piatti da portata.

Mettetele le puntarelle in una ciotola e conditele con un filo d’olio e un pizzico di sale, mescolatele con delicatezza per non rovinarle.

Tagliate i rapanelli a fette piuttosto sottili.

procedimento fase 2

Sgusciate le uova di quaglia e tagliatele in due per il lungo, disponetele nei piatti alternandole alle puntarelle, alle fette di rapanello e ai filetti di acciuga Delicius Double sgocciolati dall’olio formando delle mezza lune, adagiate i fiori eduli.

Finite l’insalata con uova di quaglia, alici e fiori eduli con qualche goccia di aceto balsamico e servite.

Antipasto con uova di quaglia, acciughe e fiori eduli

Condividi...