Pane in cassetta

22 aprile 2013
Ricetta - Pane e lievitati
fette di pane in cassetta con marmellata

Cosa c’è di meglio per cominciare la giornata di una colazione buona, fragrante e sana, consumata in tutta calma e condivisa con le persone che amiamo?

Anche se al mattino siamo troppo spesso di corsa e ci svegliamo già presi mentalmente dai mille impegni che ci attendono nell’arco della giornata, almeno nel week end possiamo salutare il nuovo giorno godendoci un momento speciale e rilassante, facendo colazione in tutta calma e sentendoci un po’ in vacanza.

Vi propongo quindi la ricetta di un pane in cassetta che mi auguro farà parte delle vostre felici coccole mattutine.

Buona giornata 🙂

Ricetta del pane in cassetta

Ingredienti

    Per il pane in cassetta bianco

  • 100 gr di pasta madre liquida rinfrescata e raddoppiata
  • - oppure 75 gr di pasta madre solida (aggiungere 25 ml di acqua in più in fase di impasto) rinfrescata e raddoppiata
  • - oppure poolish maturo e raddoppiato composto da 50 gr di farina, 50 ml di acqua e 5 gr di lievito di birra
  • 200 gr di farina manitoba
  • 300 gr di farina 00
  • 100 ml di latte
  • 150 ml di acqua
  • Un cucchiaino di zucchero
  • Un cucchiaino e 1/2 di sale
  • 30 ml di olio evo
  • Per il pane in cassetta ai cereali misti

  • 100 gr di pasta madre liquida rinfrescata e raddoppiata
  • - oppure 75 gr di pasta madre solida (aggiungere 25 ml di acqua in più in fase di impasto) rinfrescata e raddoppiata
  • - oppure poolish maturo e raddoppiato composto da 50 gr di farina, 50 ml di acqua e 5 gr di lievito di birra
  • 260 gr di farina manitoba
  • 60 gr di farina di kamut integrale bio
  • 60 gr di farina di segale integrale bio
  • 60 gr di farina di farro integrale bio
  • 60 gr di farina d'orzo integrale bio
  • 100 ml di latte
  • 150 ml di acqua
  • Un cucchiaino di malto d'orzo
  • Un cucchiaino e 1/2 di sale
  • 30 ml di olio evo
  • Semi misti per coprire q.b.

Preparazione del pane in cassetta bianco

In una capiente ciotola sciogliete il lievito con il latte e lo zucchero o il malto, aggiungete quindi metà della farina setacciata e iniziate ad impastare, aggiungete l’olio e il sale, alternate la restante farina con l’acqua.

Ricordatevi sempre che la quantità di liquidi necessaria ad un impasto non si può indicare con precisione perché dipende da quanto assorbe la farina che utilizzerete, quindi inserite l’acqua poco per volta, può essere che ne avanzi o che ve ne serva un pochino in più rispetto alla quantità indicata, l’impasto dovrà comunque risultare alla fine molto morbido ma non appiccicoso.

Finite di lavorare su un piano, arrotondate e mettete il tutto in una ciotola leggermente unta d’olio, sigillate con pellicola e lasciate a lievitare fino al raddoppio del volume.

La temperatura ideale di lievitazione è tra i 23 e i 25°, se avete utilizzato la pasta madre ci vorranno circa 8 ore, con il lievito di birra molto meno.

Quando la pasta sarà giustamente lievitata rovesciatela delicatamente su un piano infarinato, appiattitela leggermente cercando di dare una forma rettangolare.

Impasto del pane in cassetta

Arrotolate dal lato corto, quindi, tenendo la chiusura del filone al centro e verso l’alto, appiattite ancora e arrotolate nuovamente.

Filone di impasto

Mettete il filone, appoggiandolo sulla parte di chiusura, in uno stampo da plumcake lungo 25 cm foderato con carta da forno.

Pane in cassetta da infornare

Pennellate leggermente d’acqua la superficie, coprite e fate lievitare al tiepido fino a che la pasta non raggiungerà il bordo dello stampo e con la cupola lo supererà.

Portate il forno a 220° statico, infornate coprendo lo stampo con della stagnola ma lasciando un po’ di spazio per la crescita del pane.

Stampo ricoperto con stagnola

Cuocete per 35 minuti poi portate il forno a 200°C e togliete la stagnola, dopo 10 minuti togliete il pane in cassetta dallo stampo e rimettetelo in forno direttamente sulla griglia, cuocete ancora per circa 10 minuti, a 180°C ventilato fino a che il pane non sarà uniformemente ben colorato, se necessario giratelo.

Fatelo intiepidire quasi completamente su una griglia, poi affettatelo e lasciatelo coperto da un panno pulito e non trattato da ammorbidente fino al totale raffreddamento.

Conservatelo in un sacchetto di plastica ben chiuso e, se non lo consumerete nel giro di due giorni, mettetelo in frigorifero per scaldarlo leggermente o tostarlo quando lo consumerete.

Questo pane in cassetta, sia nella versione bianca che in quella ai cereali misti, è ottimo da utilizzare per tramezzini e tartine, oppure da tostare a colazione e cospargere di marmellata o miele.

Pane in cassetta pronto e affettato

Condividi...