Confettura di fragole

12 giugno 2014
Ricetta - Conserve
confettura di fragole

E’ scoppiato un caldo terrificante, fortuna che nei giorni precedenti all’arrivo dell’afa ho fatto i miei esperimenti di confettura di fragole…

Adesso solo l’idea di stare davanti ai fornelli a curare attentamente qualcosa che sobbolle, a sterilizzare vasetti e invasare una conserva dalla temperatura praticamente lavica mi fa calare la pressione!

Magari voi soffrite meno il caldo di me, oppure potete contare sull’aiuto di un condizionatore, forse abitate in montagna, o siete dei golosastri incontenibili…

Allora mettetevi all’opera e provate questa confettura speciale finchè ci sono ancora un po’ di fragole in circolazione.

Il fine dei miei esperimenti era di ottenere, senza l’aggiunta di gelificanti e senza utilizzare grandi quantità di zucchero, un prodotto abbastanza denso preservando dei grossi e golosi pezzi di fragola (considerando che questo aromatico frutto contiene naturalmente molta acqua e pochissima pectina).

Il metodo è un pochino laborioso, ma alla fine ho ottenuto ciò che volevo.

Qualche dritta prima della preparazione

Se volete preparare un quantitativo maggiore di confettura potete raddoppiare le dosi riportate sotto ma vi suggerisco di non andare oltre perchè più aumenterete le quantità e più le tempistiche di cottura si allungheranno compromettendo la qualità del prodotto finito: minore sarà il tempo su fuoco e più si preserverà il colore e il sapore della frutta.

Allo scopo di accorciare ulteriormente i tempi di cottura utilizzate una pentola larga e dai bordi non eccessivamente alti perchè più sarà ampia la superficie e più rapidamente evaporeranno i liquidi comportando l’addensamento del composto.

Perchè il calore della fiamma venga distribuito dolcemente e uniformemente diminuendo il rischio di bruciare la confettura o surriscaldarla eccessivamente, utilizzate una pentola con fondo spesso o in alternativa servitevi di uno spargifiamma.

Ricetta della confettura di fragole

Ingredienti

  • 500 gr di fragole
  • 230 gr di zucchero
  • Il succo di mezzo limone

NB: Per chi volesse una confettura con ancora meno zucchero, ho fatto un’ulteriore prova utilizzando lo stesso metodo con

750 gr di fragole
230 gr di zucchero
Il succo di un limone

Il risultato è stato molto buono, la differenza è che essendoci in percentuale meno zucchero e più acqua la confettura ci mette un po’ più di tempo ad addensare e la consistenza finale rimane leggermente più morbida.

 

Preparazione

Lavate e asciugate le fragole, tagliatele a quarti eliminando il picciolo verde e mettetele a macerare in una ciotola con lo zucchero e il succo di limone per 4-5 ore.

Trascorso questo tempo rimestate delicatamente per sciogliere eventuali residui di zucchero e servendovi di un capiente colino a maglie dividete le fragole dal succo facendolo colare direttamente nella pentola di cottura.

Appoggiate momentaneamente il colino con le fragole nella ciotola dove precedentemente le avete fatte macerare e portate il succo a bollore.

Ora rovesciate delicatamente  anche le fragole nella pentola, riportate a bollore, attendete 5 minuti e riversate tutto nuovamente nella ciotola, quindi utilizzando il colino separate ancora il succo dalle fragole riportandolo nella pentola.

Attendete qualche minuto affinchè la frutta finisca di scolare poi rimettetela nella ciotola e riportate il succo a bollore facendolo addensare a fiamma molto dolce fino a che non otterrete uno sciroppo a filo (versatene una goccia su un piattino, appoggiandoci sopra un cucchiaino ed alzandolo si formerà un filo, attenzione a non oltrepassare questo momento perchè da qui in poi il colore inizierà a scurire), quindi inserite ancora e per l’ultima volta le fragole e fate sobbollire molto dolcemente fino ad ottenere la densità voluta schiumando se necessario.

Se tutto è andato per il verso giusto la confettura sarà subito pronta o comunque nel giro di pochi minuti, controllate la densità sempre con l’aiuto di un piattino: fatene cadere una goccia, attendete per un attimo che si raffreddi e inclinate il piattino, la goccia non dovrà scivolare via rapidamente.

Invasate la conserva bollente in barattoli di vetro precedentemente sterilizzati che farete poi raffreddare capovolti appoggiandoli sui coperchi perchè si crei il “vuoto”.

Nella foto in alto la mia confettura farcisce dei fragranti “scones” di cui vi posterò presto la ricetta, ma ne proverò al più presto un cucchiaio sopra a del gelato al fior di latte o allo yogurt…

E perchè non utilizzarla come copertura di un fresco cheesecake?Cucchiaino nella confettura di fragole

Condividi...